« ZADIE SMITH A CAPRI | Principale | PUTIN CON ALESSIO II DURANTE LA CERIMONIA DI APERTURA DEL SUMMIT MONDIALE DEI LEADERS RELIGIOSI, A MOSCA »

04/07/06

Commenti

milton

Non c'è dubbio che si stia assistendo anche a resistenze definibili come corporative. Nel caso degli avvocati, tuttavia, effettivamente si sta rischiando di fare gran danno alla collettività con l'abolizione delle tariffe minime, del divieto del patto di quota lite, etc. Mentre agli avvocati più esosi e garantiti non ne riverrebbe alcun pregiudizio ( essendo i minimi tariffari cosa che non interessa loro e viceversa potendo gestire lucrosamente ogni dossier, specie con un -a questo punto- libero patto percentuale sul valore realizzato dal cliente ), sarebbero sopratutto colpite tutte le persone che, avendo ragione, abbiano vinto una causa civile vedendosi attribuire dal giudice un "rimborso" delle spese processuali. Poichè i giudici ignorano quanto effettivamente versato al difensore e si attengono attualmente ai minimi tabellari, nel nuovo sistema i malcapitati vittoriosi non otterrebbero dalla parte soccombente se non minima parte di quanto effettivamente speso, unendo alla enorme durata del processo anche la beffa.

dovlatov

gentile Milton, tariffe orarie libere.

I commenti per questa nota sono chiusi.